Steep – La recensione di GamerWall

Home/Recensioni/Steep – La recensione di GamerWall

Steep tratta di sport invernali estremi ed è piuttosto divertente. Con a disposizione la ricreazione delle Alpi europee e quattro differenti discipline, sarete quasi immediatamente lasciati liberi di scegliere cosa fare.

Esplora, competi e scopri la vera protagonista del gioco, la montagna. Sfiora le cime degli alberi mentre voli con la tuta alare, oppure scivola sui morbidi e rocciosi lati montani con un paio di sci o snowboard. Il tutorial è una tempesta di informazioni con vaghi obiettivi che vi catapulteranno al centro dell’azione così velocemente da rimanere confusi. Dopodiché ci sarete solo voi, la neve e gli altri giocatori in giro.

Come molti altri giochi al giorno d’oggi, Steep ha una miriade di funzioni multi-giocatore che vi permetteranno di competere ed esplorare insieme ad altri avventurieri. Puntare alle cime delle montagne e delle classifiche è determinante per divertirsi e godersi Steep. Fare gruppo con altri amici vi permetterà di scoprire meglio la montagna e renderà gli eventi più facili da completare.

C’è un mondo assolutamente bello da esplorare ed è impossibile giudicare quanto sia grande il gioco all’inizio. Con più di una montagna disponibile, avrete a disposizione solo alcuni eventi da provare inizialmente. Mentre ce ne sono alcuni bloccati per un grado d’esperienza richiesta, altri saranno disponibili per provare le varie modalità.

Questo obbliga i giocatori a girovagare per i picchi e solcare i cieli alla ricerca di nuove sfide. Ogni evento è un percorso unico attraverso le montagne e si divide tra corse, sfide di trick o bonebreaker. Le prime due sono piuttosto ovvie, mentre l’ultimo tipo di sfida si distingue. Questi particolari eventi premiano i più spericolati e gli infortuni migliori, vedendo il vostro avatar lanciato contro alberi e rocce.

sciate spericolate in Steep

Steep ovviamente deve molto alla serie SSX che era, fino alla sua improvvisa scomparsa dalle scene, il gioco di sport invernali per eccellenza. Ma, seppur Steep abbia molto in comune con SSX, il gioco di Ubisoft aggiunge molti miglioramenti alla formula. Tanto per cominciare, noterete velocemente che Steep non ha schermate di caricamento una volta che vi ritroverete sulle montagne. Se state fallendo una corsa a causa di una roccia inaspettata o di una foresta folta in cui vi siete persi, potrete semplicemente richiamare la mappa e ripartire subito da capo. È una vera gioia essere libero di riprovare di nuovo, stimolandoci a dare il massimo e perfezionarci.

D’altro canto, l’interfaccia utente penalizza il gameplay. Anche se giocare ed esplorare vi permettono di sbloccare e conquistare sempre più le montagne, il menù e la mappa sono rivedibili. La mappa rende la catalogazione degli eventi e delle sfide inutilmente complicata. C’è un’ampia gamma di opzioni per creare eventi e salvare i replay, ma è tutto molto vago e confusionario il che rende il tutto inutilmente nascosto all’esperienza di gioco dell’utente medio. Sono tutte funzioni ausiliarie che avrebbero potuto perfezionare un prodotto già molto buono. Superare una sfida impegnativa o completare gli eventi di una montagna, rimane una delle esperienze più soddisfacenti di questa stagione invernale.

Mentre potreste ritrovarvi ad urlare contro il gioco di tanto in tanto per un salto non riuscito o un atterraggio non eseguito alla perfezione, il riavvio veloce dell’evento attutisce quel senso di frustrazione. La varietà di eventi diventa un po’ ripetitiva dopo alcune ore di gioco, ma il piacevolissimo mondo di Steep rimarrà a lungo nella vostra mente, quando vi ritroverete a sognare la neve magari sorseggiando una cioccolata calda o un vin brulé.

POSITIVO

  • Semplicemente divertente
  • Molto da fare
  • Riavvio veloce

NEGATIVO

  • Alcune scelte di design discutibili
  • Open world un po’ scarno

VOTO: 8.2

By | 2017-03-13T18:31:24+00:00 dicembre 27th, 2016|Recensioni|